Another reason why Vincent van Gogh cut off his ear

Published on December 29th, 2009 | by Admin

2
vangogh

According to one scholar, Vincent van Gogh may have cut off his ear after learning that his brother, Theo, was about to get married.

Martin Bailey, who has written a book on van Gogh and curated two exhibitions of his work, devised his theory after meticulous detective work on a letter in a painting that the artist completed soon after he injured himself.

Bailey concludes that this letter was written by Theo from Paris in December 1888 and contained news of his engagement. This, he believes, tipped Vincent, who was already psychologically disturbed, into self-harm.

“Vincent was fearful that he might lose his brother’s emotional and financial support,” writes Bailey in the January edition of The Art Newspaper.

For years disputes have raged over what really happened to van Gogh’s ear just before Christmas 1888. Some have blamed his mental illness, others have said he was driven mad by lead in his paints. The breakdown of his friendship with Paul Gauguin, his fellow artist, has also been cited, although it is claimed that Gauguin made up this story himself.

[Full story]

Tags: , , ,



2 Responses to Another reason why Vincent van Gogh cut off his ear

  1. Antonio De Robertis says:

    L’ORECCHIO RECISO DI VAN GOGH

    Oramai ogni 6 mesi siamo abituati a leggere una nuova versione sull’automutilazione del lobo dell’orecchio sinistro di Van Gogh.Non se ne può più.E’un segnale dello scadimento degli studi sull’olandese.Possibile che non ci sia nulla più di interessante da scoprire e ci si rifugi in un sensazionalismo da gossip di quart’ordine?Prima si incolpò Gauguin,che avrebbe ferito Vincent essendo un abile spadaccino.Ma mi si spieghi: come avrebbe potuto un fiorettista(tale era Gauguin)mozzare di netto con un colpo solo il lobo inferiore dell’orecchio sinistro all’avversario?Anche con la spada sarebbe stata impresa impossibile,col rischio di decapitare il malcapitato(mi si scusi il gioco di parole).E’ridicolo.Anche tutto il resto.Gauguin non scappò di fretta e furia a Tahiti,partì il 4 aprile 1891,più di due anni dopo gli avvenimenti.Al contrario informò subito con un telegramma dell’accaduto il fratello di Van Gogh,Theo,lo aspettò ad Arles e tornarono insieme in treno a Parigi il giorno di Natale 1888,dopo aver visitato il fratello in ospedale.In una lettera del 9 gennaio 1889 depositata negli archivi del museo Van Gogh(di cui per la verità esiste solo un frammento,manca la prima parte) Gauguin chiede cortesemente a Van Gogh di spedirgli la maschera e i guanti da scherma,che ha dimenticato nello sgabuzzino della casa gialla.Regolarmente il 2 maggio 1889 vengono spediti da Van Gogh in una cassa assieme ad altri studi e oggetti personali di Gauguin.Ora leggo che il motivo dell’incidente è un altro. Vincent riceve il 21 dicembre 1888 una lettera di Theo che lo informa di essersi fidanzato con Johanna Bonger e la sera del 23,ben 2 giorni dopo,circa alle 22 si recide a freddo l’orecchio e lo porta poi alla vicina casa di tolleranza per consegnarlo alla sua amica Rachel.E Gauguin dove è andato nel frattempo?Pare sia andato a dormire in albergo,perché dopo continui litigi non se la sentiva più di dormire nella casa gialla,dopo che quella sera,poco prima Van Gogh lo aveva rincorso per strada brandendo minacciosamente un rasoio.Ora mi chiedo:ma perché se Vincent ce l’aveva tanto col fratello,cercò di colpire invece Gauguin?Non dimentichiamo che quando questi la mattina seguente tornò alla casa gialla ad accoglierlo trovò i gendarmi che volevano arrestarlo per tentato omicidio dell’amico.Si salvò dalle manette solo per l’alibi dell’albergatore dove aveva trascorso una notte per altro molto agitata.Per concludere,il 23 gennaio 2010 si inaugura una mostra di Van Gogh alla Royal Academy di Londra.Non mi pare corretto che per fare da volano si utilizzi una storia già usurata poco credibile e per nulla dimostrabile.Tutti sappiamo che ogniqualvolta Theo tentava di smarcarsi dai destini del fratello erano dolori,con crisi che duravano settimane,durante le quali Van Gogh inghiottiva i colori a olio e beveva la trementina.Nulla di nuovo quindi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

  • Follow me on Twitter!   Subscribe to my RSS feed!
     
  • Question of the Moment

    Fidel Castro ruled over Cuba for 60 years. Is Cuba better or worse as a result?

    View Results

    Loading ... Loading ...
  • Like us on Facebook

  • Sponsors

  • Archives